25 Luglio 2021

Non peggiorare la crisi con decisioni di investimento sbagliato

Stanno intensificando test e restrizioni in uno sforzo senza precedenti per arginare la diffusione del virus.

Non peggiorare la crisi con decisioni di investimento sbagliato.

Non peggiorare la crisi con decisioni di investimento sbagliato.

Il turbinio della volatilità del mercato persiste, con il mercato azionario che registra drammatiche mosse di un giorno che spesso fanno un confronto con il Black Monday (1987), la Grande Depressione e la crisi finanziaria del 2008.

D’altronde ci è voluto del tempo, ma la risposta globale alla crisi sta accelerando e rafforzando.

Per fortuna da un punto di vista della salute pubblica, i paesi stanno intensificando i test e ponendo restrizioni alla circolazione in uno sforzo senza precedenti per arginare la diffusione.

 stanno intensificando test e restrizioni in uno sforzo per arginare la diffusione.

Cosa stanno facendo le banche centrali.

Dal punto di vista dello stimolo monetario e fiscale, la Federal Reserve, utilizzando l’esperienza, con il senno di poi e facendo riferimento alla passata crisi finanziaria del 2008, ha adottato delle misure per garantire che il sistema bancario rimanga sano.

L’obiettivo finale è quello di non rivivere mai la crisi del credito e della liquidità che ha portato il nostro sistema finanziario sull’orlo del 2008.

Fin qui tutto bene.
La scorsa settimana, la Fed si è impegnata in un taglio aggressivo dei tassi e ha lanciato un massiccio programma di QE da $ 700 miliardi.

È quasi impossibile immaginare uno scenario in cui le banche non abbiano accesso a un’ampia liquidità.

La Camera dei rappresentanti ha approvato un pacchetto di incentivi che il Senato sembra pronto ad espandere ulteriormente, con il potenziale di raggiungere $ 750 miliardi.

  • Possiamo discutere sull’efficacia di queste misure di stimolo monetario e fiscale, ma il punto importante, per ora, è che si stanno intraprendendo azioni coordinate.

Non peggiorare la crisi con decisioni di investimento sbagliato.

Per essere chiari in questo momento, l’impatto economico delle interruzioni della domanda e dell’offerta determinerà una crescita negativa per il secondo trimestre e causerà una recessione.

Abbinalo alla risposta emotiva alle incertezze che circondano la pandemia, ed è molto normale che i prezzi delle azioni stiano andando verso il basso.

Sinceramente mi aspetto una maggiore volatilità del mercato nelle prossime settimane.

Sono fermamente convinto che se i vostri obiettivi finanziari non sono cambiati, anche l’allocazione del vostro portafoglio non dovrebbe cambiare.

Fare aggiustamenti di portafoglio nel mezzo di una forte volatilità è quasi sempre una ricetta di errori importanti. La storia delle crisi finanziarie e delle recessioni mostra chiaramente che il miglior modo di agire è continuare a detenere azioni attraverso la recessione invece di cercare di cronometrare il mercato. stanno intensificando test e restrizioni in uno sforzo per arginare la diffusione.

Continuo a considerare l’attuale rischio di ribasso come guidato dagli eventi, non come un rischio sistemico che porterà a una crisi finanziaria . I governi e le banche centrali stanno intervenendo per stabilizzare l’economia e i mercati dei capitali; la gravità dell’epidemia in Cina sta diminuendo rapidamente (segnalando che può essere contenuta) e il settore bancario è molto ben capitalizzato.

  • A mio avviso, questo sembra più simile all’11 settembre 2001 che alla crisi finanziaria del 2008. In entrambi i casi, il pubblico ha sperimentato shock, confusione e ansia in assenza di informazioni disponibili per effettuare valutazioni razionali.Ci vuole tempo, ma le informazioni arriveranno, la crisi si attenuerà e i mercati si riprenderanno.

    Come è stato il caso di quasi tutti i mercati orso storici, se non devi vendere per motivi di liquidità, la migliore linea d’azione è quella di resistere a un mercato orso.

    Se hai denaro messo da parte, acquistare ora non è necessariamente una cattiva idea, a mio avviso.

Lascia un commento