25 Luglio 2021

Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi!

Questa crisi potrebbe avere conseguenze di vasta portata per produttori, banche e autonoleggi.

Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi!

Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi!

Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi!  Sta già preoccupando l’industria automobilistica, le lunghe chiusure delle fabbriche e il blocco della domanda di nuovi veicoli, sta iniziando a dare l’allarme per un potenziale crollo dei prezzi delle auto usate, che potrebbe avere conseguenze di vasta portata per produttori, banche e autonoleggi.

Le aste di auto usate sono per ora praticamente paralizzate,

proprio come il resto dell’economia. Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi! La grave preoccupazione degli osservatori del mercato è che i veicoli stanno già iniziando ad accumularsi nei piazzali in cui acquirenti e venditori fanno offerte su auto e camion – e che questo squilibrio durerà per mesi.

Se questa paura si realizzasse e i prezzi crollassero,

sarebbe dannoso per le case automobilistiche e le loro unità di prestito interne, che probabilmente dovranno annotare il valore dei contratti di leasing che presumevano i veicoli avrebbero conservato un valore maggiore. Le compagnie di autonoleggio avranno anche meno soldi dalla vendita della loro flotta di veicoli, che sono inattivi in ​​mezzo a una pandemia globale che è stata catastrofica per i viaggi.mercato-auto-fermo-imminente-crollo-dei-prezzi!

Tra sei mesi, ci saranno enormi,

se non senza precedenti, livelli di offerta all’ingrosso sul mercato, ha scritto Dale Pollak, vice presidente esecutivo di Cox Automotive, in una lettera aperta ai concessionari di auto la scorsa settimana, possiede la più grande azienda di aste automobilistiche del Nord America. “Le bisarche scaricano le auto sui piazzali delle concessionarie, ma non si vendono. L’enorme offerta odierna di auto all’ingrosso suggerisce che le forniture saranno ancora maggiori nei prossimi mesi. “

Estensioni del contratto di locazione

Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi! Le case automobilistiche stanno facendo il possibile per limitare il danno. Le unità finanziarie di General Motors Co. e Ford Motor Co. offrono già ai clienti estensioni di leasing di un mese. Oltre ad alleviare la pressione sui consumatori che diffidano dall’andare negli showroom, questo ritarderà parte dell’afflusso di veicoli off-lease destinati alle aste che per ora funzionano solo virtualmente.

Ma è improbabile che queste misure vadano lontano.

Per affrontare il compromesso tra l’offerta di veicoli usati e la domanda, è improbabile che rimbalzi in questo momento, dato che quasi 17 milioni di americani hanno cercato sussidi di disoccupazione nelle ultime tre settimane.

Non ci sono molte persone in guanti e mascherine che corrono per comprare un’auto“, ha detto Maryann Keller, ex analista di Wall Street che ora è consulente dell’industria automobilistica a Stamford, nel Connecticut. “Le aste sono per lo più chiuse e sono piene di auto che non hanno acquirenti”.

Rischio residuo

Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi! Le vendite di auto usate sono diminuite del 64% nell’ultima settimana di marzo, secondo Manheim. La società di aste di proprietà di Cox Automotive stima che i prezzi siano scesi di circa il 10% nelle ultime settimane, sebbene tale cifra si basi su volumi insolitamente bassi alle aste.

Se quel livello di declino dovesse protrarsi o peggiorare,

potrebbe avere enormi implicazioni per GM, la cui unità General Motors Financial aveva in prestito veicoli per un valore di $30,4 miliardi alla fine dello scorso anno. Se GM Financial ha bisogno di aumentare la sua stima di quanto questi veicoli avranno un deprezzamento di valore, ogni aumento in punti percentuali aumenta le spese dell’azienda di $304 milioni, secondo un deposito regolamentare.

GM ha ipotizzato un calo del 4% dei valori residui quest’anno. Se il calo del 10% che Manheim ha visto di recente persiste, le spese di ammortamento potrebbero contrastare gli $1,9 miliardi che GM Financial ha guadagnato nell’utile ante imposte l’anno scorso, ha affermato Joel Levington, analista del credito con Bloomberg Intelligence. Ford Motor Credit si trova ad affrontare un rischio simile, ha detto.

Per saperne di più: il braccio finanziario di Ford genera più profitti che mai

Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi! Le compagnie di autonoleggio che hanno fatto appello al Dipartimento del Tesoro e alla Federal Reserve come gruppo il mese scorso per prestiti, agevolazioni fiscali e altre forme di sostegno attendono un destino simile. Hertz Global Holdings Inc., Avis Budget Group Inc. ed Enterprise Holdings Inc. stanno tutti cercando di trovare il modo di scaricare alcune auto senza subire un colpo troppo grande, ha affermato Keller, ex membro del consiglio di amministrazione di Dollar Thrifty Automotive Group Inc.

Se Avis e Hertz dovessero vendere automobili a valori inferiori, aumenterebbe i costi di manutenzione delle loro flotte. Un forte calo dei valori residui emerge direttamente dai profitti e può creare problemi di liquidità, ha affermato Hamzah Mazari, analista di Jefferies.

Per Hertz e Avis, ogni aumento dell’1% dei costi della flotta risparmia circa $20 milioni dagli utili prima di interessi, imposte, ammortamenti, ha detto Mazari.

Venditori motivati

Mercato auto fermo: imminente crollo dei prezzi! Hertz non ha eliminato tutte le auto finora come Avis, il che significa che tiene più veicoli con pochi clienti ai quali può noleggiarli.

Ma le società di noleggio che hanno venduto in modo aggressivo alla fine di marzo, mentre il Covid-19 si stava diffondendo, lo hanno fatto a un costo, ha dichiarato Jonathan Smoke, capo economista di Cox Automotive.

Le società di noleggio sono venditori motivati“, ha detto Smoke. “Hanno spostato le auto rapidamente ma hanno visto l’impatto sul prezzo”.

I rivenditori stanno anche cercando di attingere all’inventario delle auto usate ferme sui piazzali che non riescano ad immatricolare. Uno dei maggiori compiti di Manheim ora, Pollak di Cox Automotive ha scritto nella sua lettera la scorsa settimana, è trovare posti per parcheggiare il flusso di veicoli diretti alle aste.

“È fondamentale per i rivenditori riconoscere ciò che potrebbe essere una spiacevole verità”, ha affermato Pollak. “Potrebbe essere necessario tutto il denaro che puoi raccogliere per sostenere la tua attività oggi e metterlo in condizione di essere redditizio quando il mercato tornerà“.

Lascia un commento