25 Luglio 2021

Fibonacci trading: strategie e ritracciamenti

La successione di Fibonacci trading è senza dubbio una delle più affascinanti teorie del trading finanziario.

fibonacci_trading-strategie_e_ritracciamenti

Fibonacci trading: strategie e i ritracciamenti

Fibonacci trading: strategie e ritracciamenti. La successione di Fibonacci trading è senza dubbio una delle più affascinanti teorie del trading finanziario. I numeri della Serie di Fibonacci rispondono ad una semplice proprietà matematica secondo cui ognuno di essi è definito come la somma dei due precedenti. Nel corso degli anni sono nati diversi indicatori tra cui i livelli, i ventagli e gli archi di Fibonacci. Devono il loro nome a Leonardo di Pisa, detto il Fibonacci, considerato il più grande matematico del Medioevo. Ecco la guida per sapere come funziona, come si calcola e come fare trading con questo strumento di analisi tecnica.

In parole semplici, si tratta di una successione di numeri positivi interi dove ciascun numero è la somma dei due precedenti. I primi numeri della successione di, giusto per fare un esempio, sono: 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144 e così via.

Come funziona e in che modo si calcola il Fibonacci trading? Come si usa nel trading?

Metodo Fibonacci trading per le tue operazioni

Fibonacci trading: strategie e ritracciamenti. Il metodo di Fibonacci trading, come abbiamo già detto fin dall’inizio, viene usato principalmente per seguire il trend in corso oppure per trovare potenziali punti di inversione. Per tale motivo, può essere utilizzato quando c’è un trend in corso. Se invece il mercato si trova in una fase laterale, quindi non in un trend ben definito, l’indicatore di Fibonacci trading potrebbe non essere nostro alleato, ovvero divenire meno affidabile del solito.

In questo nostro articolo ci occuperemo di trattare in dettaglio il Fibonacci trading. Si spiega il funzionamento di tutti gli strumenti di Fibonacci e di come ogni trader possa utilizzare il metodo Fibonacci per fare trading online. Tra l’altro il Fibonacci trading è di facile comprensione e può anche essere utilizzato da trader alle prime armi.

Esistono numerosi indicatori di analisi tecnica utili a prevedere l’andamento dei prezzi, ma quasi nessuno può vantare la diffusione, l’efficienza e la praticità del Fibonacci trading. Questo indicatore, dovrebbe far parte del bagaglio conoscitivo di ogni trader per poter operare sui mercati finanziari.

Tramite l’individuazione automatica dei livelli di ritracciamento, forniti da qualsiasi piattaforma, è possibile individuare importanti livelli grafici. Hanno statisticamentun’ottima probabilità di essere raggiunti nel futuro, esprimendo di fatto importanti livelli di supporto e di resistenza.

Un ritracciamento rappresenta un’inversione temporanea nella direzione del prezzo.

Fibonacci trading: strategie e ritracciamenti. In linea di massima, durante un significativo trend rialzista, l’aumento dei prezzi viene periodicamente interrotto da correzioni al ribasso. L’inizio di queste correzioni è solitamente un punto di resistenza, mentre il fondo di tali correzioni (il punto di arresto) è di norma un punto di supporto. Un ritracciamento è da intendersi dunque come una tendenza più piccola che va nella direzione opposta alla tendenza principale.

Fibonacci trading funziona davvero?

Fibonacci è una sequenza matematica e come tale è ben collaudata e testata.
Nel corso degli anni, matematici e filosofi si sono sempre domandati come mai questa serie, insieme alla sezione aurea, rappresenti gran parte dei fenomeni presenti sul pianeta.

Ritracciamenti di Fibonacci: valutazione del trend in atto

Fibonacci trading: strategie e ritracciamenti. Una volta individuato il movimento sul quale calcolare i ritracciamenti di Fibonacci, ed usato lo strumento di analisi tecnica per identificarli, disponibile in tutte le piattaforme di trading, si è in grado di ottenere i livelli di prezzo associati a ciascuno di questi.

I livelli di prezzo risultanti fungeranno quindi da livelli di supporto e resistenza statici, anche se in qualche modo diversi da quelli tradizionali. Dal momento che spesso potranno transitare dove graficamente non vi è posto alcun punto di swing del mercato. È importante considerare che, qualora un livello di Fibonacci dovesse inoltre coincidere con un livello statico, questa confluenza rappresenterebbe non altro che un rafforzamento.

L’entità di ogni movimento correttivo è determinata da quanto il movimento di prezzo contrario riesce portarsi al di là di determinati livelli di ritracciamento di Fibonacci. Tendenzialmente tutti i movimenti correttivi giungono al 23,6%. Il superamento di questo livello determina la conferma di una forza avversa al movimento precedente.

Uno il livello del 38,2% è ritenuto fondamentale nell’ottica di un proseguimento del trend. I traders generalmente monitorano attentamente questo livello in attesa di segnali di forza o debolezza, in linea con la tendenza precedente. È importante tenere a mente che nelle forti tendenze i movimenti correttivi solitamente non arrivano mai a superare il livello del 38,2%.

Due il livello del 50% è il livello più importante da monitorare. Solitamente le tendenze strutturalmente sane sono quelle nelle quali i movimenti correttivi tornano a circa la metà dell’ultimo impulso di direzionale.

Tre il livello del 61,8% è raggiunto dai forti movimenti correttivi. Un superamento di tale livello è in genere un forte segnale di deterioramento della tendenza precedentemente in atto.

I livelli di Fibonacci, come funzionano?

Fibonacci trading: strategie e ritracciamenti. Lo screenshot che vedi qui sotto, l’ho tracciato dalla piattaforma di etoro, ti invito ad una prova gratuita. Se vuoi diventare un trader, ti consiglio vivamente prima studia e poi metti in pratica allenandoti con il conto demo messo gratuitamente a disposizione con $100.000 virtuali. Una volta individuato il trend dominante e disegnati i ritracciamenti di Fibonacci trading, abbiamo ottenuto i livelli di prezzo associati a ciascun ritracciamento, pronti a rappresentare supporti e resistenze per l’andamento futuro. Come vedi sto seguendo il Bitcoin, quando studio un grafico, oltre al fibonacci trading, uso altri indicatori. Questi sono le medie mobili a 21, 50 e 200 periodi, l’oscillatore stocastico e la trend line. Per non far confusione ho disattivato i Pivot Point.
Il ritracciamento del trend dominante vede nei livelli di Fibonacci degli obiettivi ben precisi, che ne determineranno la forza:fibonacci-trading-strategie-e-ritracciamenti

  • primo ritracciamento a 23.6: è il meno usato, quasi ogni ritracciamento raggiunge questo livello, il cui attraversamento determina la presenza di una forza crescente del contro-trend;
  • secondo ritracciamento a 38.2: obiettivo che segue il superamento del 23.6, ritenuto fondamentale nell’ottica di un proseguimento del contro-trend;
  • terzo ritracciamento a 50: riferimento dell’analisi tecnica esule dal contributo di Fibonacci ma spesso considerato dal mercato;
  • quarto ritracciamento a 61.8: livello raggiunto da contro-trend sostenuti del mercato, la cui forza ha già permesso il superamento dei livelli precedenti.

Ciascuno dei ritracciamenti costituirà anche un

importante livello di supporto o resistenza, in caso di trend dominante rialzista o ribassista, e mostrerà un “effetto calamita” nei confronti del prezzo.

Fare trading con i ritracciamenti di Fibonacci, vuol dire aspettarsi il raggiungimento del prossimo livello target dopo l’abbattimento del precedente, quindi aprendo posizioni negli intervalli che separano ciascun ritracciamento.

In questo modo è possibile prevedere l’andamento futuro dei prezzi, secondo un buon grado di probabilità, e operare con i livelli di ritracciamento che ci si attende vengano raggiunti.

Lascia un commento